L’autopubblicazione: un nuovo modo di fare editoria

Hai mai sentito parlare dell’autopubblicazione? Con questo termine, che in inglese si traduce in self publishing, si intende un nuovo modo di fare editoria, che ha avuto origine in internet ed ha riscontrato fin da subito un grande successo. Del resto, rispetto all’editoria tradizionale apporta numerosi vantaggi, prima di tutto la possibilità di mettere in vendita i propri testi online su siti che si occupano proprio di questo settore, come ad esempio Amazon.

Tuttavia, lo scrittore emergente deve anche occuparsi delle correzioni, creare la copertina e decidere il prezzo di vendita. Questo vuol dire che ha pieno controllo sul proprio lavoro e può aspirare ad un maggiore incasso. Di fatto, in questo modo, tutti possono pubblicare ed il vero giudice sono i lettori.

Infatti, i testi migliori riescono a farsi strada, mentre quelli scadenti o poco interessanti sono destinati ad essere criticati. Quindi, le persone che affermano che l’autopubblicazione non produce opere di qualità, è in errore, in quanto, se è vero che non ci sono limitazioni su chi può pubblicare, è altrettanto vero che solo i migliori riescono a distinguersi e ad avere successo.

I vantaggi garantiti dal Self Publishing

Ma quali sono i vantaggi garantiti dall’autopubblicazione? Sicuramente, la possibilità di puntare a maggiori introiti per ogni singola copia venduta: si può arrivare anche all’80% del prezzo di copertina. A ciò si aggiunge anche la piena libertà di espressione, in quanto non si fa riferimento ad alcuna casa editrice. Gli editori, infatti, spesso impongono correzioni o modifiche, a cui è necessario sottostare.

Tuttavia, queste figure professionali non sono infallibili, anche perché scelgono le pubblicazioni in base a diversi criteri, molte volte opinabili. Infatti, non sempre i libri pubblicati riescono a sfondare. É bene specificare, poi, che l’autoedizione non prevede contratti vincolanti, il che vuol dire che si può pubblicare su diverse piattaforme, rimanendo comunque padroni dei propri diritti d’autore.

Come far decollare il proprio business online di Self Publishing?

Nonostante i vantaggi garantiti, non bisogna commettere l’errore di credere che l’autopubblicazione sia un business che non ha bisogno di nozioni fondamentali. Del resto, come per qualunque altra attività, muoversi alla cieca non è mai produttivo e difficilmente porta ad un vero e proprio guadagno. Di fatto, è necessaria una metodologia chiara da seguire, che viene fornita dall’Accademia del Self Publishing, gestita da Alessandro Arnao, massimo esperto in Italia di autopubblicazione e che ha creduto in questo business quando ancora era totalmente sconosciuto nel Bel Paese.

Ma prendere parte all’Alessandro Arnao corso Amazon cosa vuol dire? In primis apprendere il giusto Mindset per scalare il successo, ma anche le strategie necessarie per individuare keywords e nicchie profittevoli. A ciò si aggiunge anche la possibilità di imparare a comporre i titoli al meglio per ottenere un’ottima visibilità, di massimizzare le vendite traducendo e di battere la concorrenza, anche la più agguerrita.

Inoltre, Alessandro Arnao, nel suo corso, indicata la piattaforma di distribuzione migliore su cui pubblicare, ovvero Amazon.com, in quanto garantisce più di 1 miliardo di possibili clienti al giorno, ed invita gli allievi a realizzare testi in inglese, avvalendosi della collaborazione di professionisti del settore. Solo in questo modo, infatti, è possibile pensare di monetizzare nell’immediato. Sul sito, ma anche su Facebook e Youtube, è possibile vedere i suoi guadagni a 6 cifre raggiunti in poco tempo ed i traguardi riportati dai suoi allievi.