4 tipi diversi di cristalli per il box doccia

Il cristallo del box doccia può esser di diverse tipologie, da scegliere in base a diversi fattori come può essere l’effetto finale da ottenere, cioè lo stile che si vuole dare al bagno.

Trasparente

Il vetro del box doccia spesso è un cristallo trasparente. Dal punto di vista stilistico, è il più bello che c’è perché lascia vedere oltre e può esser utilizzato rep progetti personalizzati molto particolari. Il problema di questo tipo di vetro è la sua pulizia: le piccole goccioline di acqua che restano sulla sua superficie poi lasciano una antiestetica tracica di calcare. Per questo motivo, perché resti bello, il vetro deve essere sempre pulito a dovere. Il trattamento anti calcare è indispensabile.

Opaco

Il box doccia può anche esser opaca. In questo caso, non si vede attraverso ma la superfice satinata nasconde un po’. È anch’essa una soluzione ottimale e di grande stile che si adatta a moltissimi bagni. È però meno usata.

Un mix

Più usato del vetro opaco è il cristallo trasparente e opaco. In questo significa che il vetro ha entrambi gli effetti per uno stile davvero particolare. Ci sono diversi disegni ed effetti che si possono ordinare. Si può usare per il bagno di casa ma si vede molto spesso nelle palestre e nei centri benessere perché le fasce opache orizzontali possono nascondere un po’ la figura. Anche chi deve realizzare delle pareti divisorie per un ambiente come l’ufficio o una sala d’attesa, spesso usa un vetro trasparente e opaca, i disegni possibili sono molti ma i più usati sono le righe orizzontali. In certi casi, si può anche ordinare una scritta personalizzata come possono esser le inziali.

Cincillà

Esiste anche il vetro in cincillà. Si chiama così perché la sua superfice ha questa trama in rilievo che sembra proprio il pelo di un piccolo animaletto. È oggi meno usato poiché il suo effetto un po’ pesante ma può esser ancora utilizzato in diversi contesti.

Per ordinare subito un lavoro su misura: www.vetreria-roma.it