Home » Bollini colorati sulla caldaia: qual è il loro significato

Bollini colorati sulla caldaia: qual è il loro significato

Per far sì che la caldaia sia sempre in buono stato devono essere effettuate una serie di verifiche obbligatorie, come la revisione, il controllo dei fumi di scarico e la manutenzione.

Dopo il controllo da parte di tecnici specializzati in assistenza caldaie a Roma viene rilasciato un apposito Bollino Blu, che funge da certificato dell’avvenuta ispezione.

In questo modo si attesta che l’impianto presente è a norma e risponde ai requisiti tassativamente previsti dalla legge. Ogni quanto va fatto questo controllo, qual è il costo? Cerchiamo di dare una risposta utile a tutte queste domande.

 

A cosa serve il bollino blu della caldaia

Il bollino blu attesta che è stata effettuata con successo la revisione della caldaia, intervento fondamentale attraverso cui è possibile controllare i fumi di scarico e l’emissione di sostanze inquinanti. Tale certificazione è obbligatoria in quanto la normativa specifica in materia stabilisce quali sono i parametri ambientali ed operativi da rispettare.

Per questo motivo l’operazione di controllo e manutenzione deve essere effettuata da tecnici specializzati, aziende autorizzate dal Comune e da professionisti.

Solo dopo l’avvenuto controllo i tecnici viene rilasciato un documento specifico per attestare il funzionamento corretto dell’impianto. Tale documento consiste proprio in un adesivo da apporre all’interno del libretto di manutenzione della caldaia.

 

Significato del bollino blu e rinnovi

I servizi di manutenzione ordinaria, come l’analisi del funzionamento e dei fumi, possono essere inseriti in appositi pacchetti già al momento di acquisto della caldaia in modo che un tecnico specializzato possa intervenire quando necessario e procedere con le opportune verifiche per ottenere il bollino.

Le normative di riferimento, tra cui il D.L. n. 192 del 19 agosto 2005 e il D.P.R. 74/2013 stabiliscono termini e regole da seguire per il controllo.

La verifica dei fumi di scarico va eseguita in contemporanea alla prima accensione della caldaia e dopo l’installazione, l’attivazione e il relativo collaudo, il tecnico rilascia anche il primo bollino blu con validità di 4 anni.

Le caldaie a combustibile solido o liquido devono essere controllate ogni anno o ogni due a seconda della potenza. Le caldaie a gas, dopo i primi quattro anni, richiedono un controllo ogni due o ogni quattro anni per rinnovare il bollino blu.